Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo
scuola-digitale

Amministrazione Trasparente

scientifico

collegamento al liceo artistico

istituto-economico

docenti-e-alunni

pof 

 

banner iscrizionionline

  

Ti serve aiuto per l'iscrizione on line?

Attività di formazione didattica ed educativa: DSA

Disturbo Specifico dell'Apprendimento 

Primo incontro - 30 aprile

Disturbo, difficolta’, disabilita’: classificazione del DSA e valutazione diagnostica

Secondo incontro - 7 maggio

Riabilitazione: metodologia, strategie, casi clinici; interventi sul gruppo classe

Terzo incontro - 14 maggio

Pedagogia e supporto metodologico: strategie di insegnamento e aspetti legislativi

 

 locandina-dsa

Corso CAD: EDUCAZIONE VISIVA AL COMPUTER

immagine del corso cad tenuto dal prof ianneceOggi pomeriggio, mercoledì 10 aprile, inizia il corso CAD dal titolo: EDUCAZIONE VISIVA AL COMPUTER tenuto dai docenti: Prof. Antonio Iannece (Referente del progetto) e Prof. Attilio Ferraro.

 

L'orario del corso: 14.30 - 17.00

 

Il corso andrà avanti per 8 appuntamenti nei giorni di mercoledì e venerdì. 

Il calendario delle lezoni e il programma dettagliato sarà consegnato ai partecipanti durante il primo giorno di lezione.

 

Le dispense saranno rese disponibili nella sezione DOWNLOAD reperibile a questo indirizzo.

 

La nostra comunità scolastica listata a lutto per la tragedia di Natalie Ciccone.

Sabato santo, appena trascorso, in serata, ha proposto, ai tanti cittadini dell’Alta Irpinia che si affacciano sull’Ofanto, il volto concreto, duro e triste della passione: la nostra Natalie Ciccone, alunna del quinto anno B del liceo scientifico, dolce e semplice, presente in classe col suo consueto sorriso quanto riservata nei modi, spinta dal senso del dovere , avviatasi verso Lioni non ha più fatto ritorno a casa, a Conza della Campania. La notizia ha gettato, oltre quella conzana, la nostra comunità scolastica in un’angoscia senza fine, e l’intera giornata di Pasqua è stata trascorsa, da tanti docenti e da tutti i suoi amici di scuola, con gli occhi incollati ai social network, ai giornali on line, ed ai telefonini, in attesa di qualche notizia capace di riportare nel cielo grigio e freddo di questo fine marzo, anche solo un timido raggio di sole, per chiamarlo speranza..

Purtroppo, le immagini della rimozione dell’auto poggiata sul greto dell’Ofanto hanno fatto subito temere che una nuova croce andava ad aggiungersi alle tante che costellano le strade d’Irpinia.

E così è stata accettata, con umana rassegnazione, la notizia del ritrovamento del corpo di Natalie, giacente in quell’acqua impetuosa che non le aveva dato scampo. La fine tragica di una ragazza, nel fiore degli anni ed in salute, non trova giustificazione alcuna di tipo razionale, perché non è mai spiegabile in semplici termini di cause ed effetti: proprio in questi casi ci si accorge di quanto sia caotico e poco prevedibile il vivere umano, soggetto a mille concause che, proprio perché insondabili tutte assieme, ci acconciamo a chiamare destino.

Questo è oltre modo importante, perché l’inevitabile gioco mentale dei “se.. non ..allora” conduce all’altrettanto inutile e devastante azione di attribuire ed attribuirsi colpe e responsabilità. Meglio, molto meglio accettare, piangendo Natalie ed imprecando contro il destino! Ora due comunità sono a pezzi: quella di Conza che la vide nascere e crescere tra mille giochi festosi ; quella scolastica di Calitri ove tra pochi mesi avrebbe concluso il suo percorso formativo di secondo grado. E due famiglie saranno accomunate dalle lacrime e dal dolore: quella naturale di Natalie, dei suoi genitori e delle sorelle; quella della sua classe, dove ha imparato a convivere con tanti coetanei, trascorrendo piacevolmente la gran parte del suo tempo di vita. Se solo potessimo dividere il dolore.. e rendere più leggero il peso dei pensieri: non sarà facile, ma le due famiglie potranno sostenersi assieme.

Per chi ha fede cristiana, sarà consolante costatare che la sua scomparsa è avvenuta nel giorno di Pasqua, della resurrezione dalla morte; per chi questo sentimento non coltiva è opportuno considerare quale nesso inscindibile leghi la vita e la morte e che proprio la parola Pasqua, nel suo significato più profondo, stia lì a ricordarcelo. Ora avremo tutti una ragione in più per farlo, rendere eterno il ricordo di Natalie!

Il Dirigente Scolastico

Gerardo Vespucci

 

dal Corriere di Avellino

Associazione Il Chicco di Grano, in Memoria di Angelo Di Milia

A seguito di intesa, approvata dal Consiglio d’Istituto, con  l’Associazione di Calitri Il Chicco di Grano, in Memoria di Angelo Di Milia, le cui finalità sono coerenti con la filosofia del POF  dell’IISS Angelo Maria Maffucci,  gli allievi dei nostri tre indirizzi di studio sono destinatari, già a partire dall'anno scolastico in corso, di numero 3 borse di studio, dall'importo di 500 €  ciascuna in favore di alunni meritevoli: una borsa di studio per ciascuno dei tre Indirizzi dell’Istituto

Chi è online

Abbiamo 155 visitatori e nessun utente online

Area Riservata

icona accesso area riservata - amministrazione sito

Cerca nel sito